2.c.1.b) Fisica delle particelle stabili e instabili

Abbiamo visto come, nella Fisica Globale, si creano le particelle subatomiche più piccole della massa fisica, attraverso un processo accentuato di torsione della struttura reticolare della materia o etere globale che produce uno stato di aggregazione della materia diverso, in cui la caratteristica principale è l'accumulazione di energia elastica in riccioli o spirali di massa risonante.

Tale fenomeno di cambiamento dello stato della materia, è stato denominato interazione della massa o interazione nera, in quanto elimina la tensione trasversale dell'onda elettromagnetica e la trasforma in tensione di curvatura longitudinale ed energia di deformazione reversibile dell'etere globale.

Nodo stabile
Coperta arrotolata con un nodo

Abbiamo inoltre visto, nelle sezioni precedenti sulla Fisica delle Particelle, delle proprietà delle particelle subatomiche in generale, come la loro natura spaziale destrogira o levogira, ed abbiamo menzionato il loro carattere stabile o instabile.

Le particelle subatomiche stabili avranno qualche meccanismo che impedisce ai riccioli o alle spirali della struttura reticolare dell'etere globale di disfarsi facilmente nonostante la tendenza a tornare alla situazione iniziale per l'energia interna elastica.

La figura mostra una coperta arrotolata con un nodo, in modo da rappresentare intuitivamente un possibile meccanismo di stabilità, sebbene non si consideri molto esatto.

Nella sezione di questo libro dedicata alle Particelle dell’atomo del nuovo modello atomico proposto dalla Meccanica Globale viene approfondita l’analisi della Fisica delle Particelle Elementari stabili e sua grandezza massima.

In seguito vengono spiegate le caratteristiche delle particelle subatomiche con massa.

  • Spostamento delle particelle subatomiche.

    Come è stato spiegato precedentemente, le onde elettromagnetiche o fotoni o altre particelle senza massa rappresentano piccoli giri o deformazioni trasversali o di torsione dell'etere globale. Quando questi giri si concentrano nello spazio in senso contrario, formano il mezzo giro, spirali o riccioli della massa fisica.

    Se le spirali ricevono più energia o forza di torsione da una parte, si sposteranno fino a raggiungere un equilibrio nelle tensioni trasversali di torsione ricevute dalle estremità delle spirali. In questo caso, il movimento delle particelle subatomiche con massa potrebbe essere descritto intuitivamente come lo spostamento di un nodo scorsoio.

    Recentemente (2016) hanno trovato che la teoria dei nodi Lord Kelvin può puntare a un chiaro precedente della Meccanica Globale. Questa teoria propone che i vari atomi corrispondono a differenti nodi nell'etere classico. Logicamente fu scartato con l'avvento della Relatività, per la negazione teorica dell'esistenza di un etere con proprietà meccaniche.

    Infatti, ciò che rende la Relatività è trasferire queste proprietà meccaniche al spazio-tempo stesso, evitando menzionare la parola etere. Basti dire che le onde gravitazionali rilevate trascinare la luce e la massa, secondo esperimento LIGO.

  • Natura delle particelle subatomiche molto instabili o saltino gravitazionale.

    Se la particella subatomica si trova nel punto valle del potenziale, come gli elettroni nelle loro orbite, cambiando le differenze di potenziale, il suddetto punto non è più d'equilibrio e la particella si disferà per la tensione elastica. L'energia elettromagnetica liberata si sposterà alla velocità della luce fino a trovare un nuovo equilibrio in un potenziale minimo ma di un’altra valle, in cui riapparirà come particella subatomica con massa.

    Possiamo chiamare questo fenomeno saltino gravitazionale –effetto tunnel– poiché di solito avverrà fra distanze molto brevi e ci dà la definizione di un tipo di particelle subatomiche nella Fisica delle Particelle Elementari. Lo ritroveremo anche nella pagina del nuovo modello atomico proposto dalla Meccanica Globale all’interno della Fisica Globale.

  • Gli ondoni (The wavons)

    Per differenziare l'espressione di natura duale della materia del nuovo tipo di particelle subatomiche, viene suggerita la creazione di un secondo tipo di dualità, misto o intermedio a seconda del tempo di permanenza con una natura o l'altra.

    Un termine generico per queste onde così potenti potrebbe essere quello di ondoni. Vale a dire, sarebbero le particelle subatomiche che acquisiscono massa fra i saltini, o effetto tunnel, a cui ho fatto riferimento nel punto precedente, esistono come spirali materiali e saltano alla velocità della luce come fotoni fino ad un nuovo equilibrio della tensione gravito-magnetica. Il termine fa riferimento al fatto che le onde elettromagnetiche sarebbero molte, forti e potenti, derivate dall’esistenza delle spirali o riccioli che caratterizzano la massa fisica.

    Ecografia occhiologicaParticella subatomica instabile
    Particella subatomica instabile

    La massa gli ondoni è denominata ondina (Wavine) per differenziarla dalla massa in senso stretto. Talvolta il termine di massa è utilizzato per entrambi i tipi di stati di aggregazione della materia in senso amplio poiché entrambi sono composti da mezzo giro, spirali o riccioli dell’etere globale.

    Questa distinzione sarà necessaria nello studio della fisica del movimento nel libro della Dinamica Globale. Come vedremo, le particelle elementari con massa ed energia elastica stabile o instabile scivolano sull'etere globale come i suddetti nodi scorsoi.

    La figura occhiologica mostra un giro di 180 gradi in una rete bidimensionale. Si osserva in modo intuitivo che non c’è nulla che impedisca che il giro si inverta se scompare la tensione che l'ha provocato e qualora esistesse la tendenza della rete a tornare allo stato piano.

  • Elettroni.

    Gli elettroni si muovono come nodo scorsoio nelle loro orbite. Il movimento orbitale degli elettroni ha condizioni particolari, che analizzeremo nella sezione Struttura dell’atomo di questo stesso libro.

    Inoltre, essendo ondoni, gli elettroni viaggiano a saltini tra le orbite.

    Questa caratteristica degli elettroni spiega l’esperimento dell’effetto tunnel degli stessi, che potrebbe rinominarsi l’esperimento del salto degli ondoni (The jump of the wavons).

    Dopo, lo spostamento misto delle particelle subatomiche instabili spiegherebbe con molta semplicità l’esperimento di Young o della doppia fenditura (o doppia fessura), compiuto con elettroni.

    Infine, gli elettroni scorrono come altre particelle con massa come elettroni liberi.

  • Antiparticelle ed allungamento spaziale dell'etere globale.

    Un tema molto curioso della Fisica delle Particelle è la relazione che sorge fra le particelle subatomiche ed i buchi neri, configurandosi anche questi ultimi come grandi accumulatori di massa ed energia interna elastica.

    Un altro confronto fra particelle subatomiche ed Astrofisica si riferisce ai processi di contrazione ed espansione dell'etere globale o struttura reticolare della materia, che avvengono sia a livello atomico che a livello di stelle e galassie, descritto con certa precisione nel libro di Astrofisica e Cosmologia Globale.

    Quando due particelle elementari, di natura spaziale opposta, destrogira e levogira rispettivamente, sono pure particelle salterine o instabili e si incontrano, si annichilano a vicenda, producendo altre particelle e fotoni in funzione della loro diversa energia.

    Con lo scontro fra le antiparticelle che formano l’antimateria e la materia normale, si annulleranno di colpo le spirali che esistevano, senza generare torsione trasversale poiché anche questa si compenserà. Tuttavia, l’elasticità dell'etere globale che ha reso possibile la curvatura iniziale, e dopo la formazione delle antiparticelle e particelle piccole subatomiche, recupererà il volume dell'etere globale grazie alla caratteristica di energia di deformazione reversibile.

    Questo fenomeno fisico, per futuri riferimenti, possiamo denominarlo allungamento spaziale dell'etere globale.