2.a) Caratteristiche e proprietà generali della materia.

Avvalendomi della caratteristica della materia di possedere proprietà generali rinormalizzabili, cercherò di associarle in modo che consentano l'assimilazione del nuovo paradigma, in quanto, man mano che approfondiremo il tema, emergeranno sfumature di tali proprietà. Difatti, la lettura seguente offre una visione della struttura e delle proprietà della materia rinormalizzata diverse volte.

Oltre alle numerose e piccole rinormalizzazioni subite dalla Meccanica Globale nel corso del suo sviluppo iniziale, è da segnalare il passaggio dal modello semirigido al presente modello elastico della Meccanica Globale come conseguenza della visione d'insieme del primo, dopo aver terminato anche la parte dedicata all'Astronomia e alla Cosmologia.

Nonostante il nuovo modello elastico aggiunga solo la proprietà generale della materia in quanto alla costituzione della globina come materia infrangibile, questa proprietà semplifica di molto la Meccanica Globale, rendendo superflui i meccanismi più complessi del vecchio modello semirigido.

Nella pagina precedente è stata introdotta la natura della struttura della materia come una rete tridimensionale di filamenti indistruttibili che si estende in tutto l'universo e che abbiamo denominato Globus.

Vediamo adesso con più attenzione ognuna delle caratteristiche o proprietà generali della materia:

  • Struttura tridimensionale.

    Quando ci si chiede cos’è la gravità, si pensa innanzitutto che dev’essere una struttura spaziale in grado di sopportare le forze di gravità. Quindi, se sopprimiamo la simmetria radiale della gravità, ne ricaveremo che la struttura tridimensionale con supersimmetria è una proprietà generale della materia.

    Le immagini presentate in questo libro si inseriscono nelle tre dimensioni spaziali della geometria euclidea ed il loro obiettivo è di abituare il cervello all'esistenza reale e alle caratteristiche della globina come stato di aggregazione della materia che configura la gravità in un mondo normale e noto a tutti noi; almeno per poter seguire le spiegazioni delle proprietà e la natura del nuovo modello fisico pensando che sia l'esistenza di altri mondi che i viaggi nel tempo sono o devono essere, per il momento, fantascienza.

    La struttura tridimensionale della materia proposta sarà composta da filamenti che formano reticoli.

    Struttura della materia
    Reticolo della globina  Reticolo della globina

  • Reticolo a forma di cubo.

    Il cubo sarà il risultato dell'incrocio dei filamenti della globina. Un’altra proprietà generale della materia è che i filamenti saranno uniti e fissi nei vertici della struttura reticolare.

    La forma di cubo è stata scelta in quanto più semplice e facile da visualizzare dal cervello. Anche ogni altra figura geometrica che non impedisca lo stato fisico con la proprietà generale della materia di supersimmetria teorica in assenza di forze di gravità e di elettromagnetismo sarebbe possibile.

  • Filamenti infrangibili.

    Questa caratteristica o proprietà della materia giustifica il principio di conservazione della materia. Intendendo materia nel senso utilizzato dalla Meccanica Globale.

  • Natura continua della materia.

    Ugualmente, la natura dei filamenti infrangibili fa sì che la materia sia continua in tutto l'universo; in altre parole, la particella Globus si estende in tutto l'universo. Dopo quasi 2500 anni di natura discontinua, chi l'avrebbe detto? Spero che Democrito non ci rimanga male!

  • La materia è formata esclusivamente dalla materia dei filamenti.

    Lo spazio fra i filamenti è completamente vuoto nello stato teorico di supersimmetria.

    Questa caratteristica della materia mi sarà molto utile nel momento dello sviluppo della teoria della formazione della massa e la nuova teoria dell'atomo.

  • Elasticità.

    Questa proprietà della materia è molto intuitiva, ma bisogna considerare che è unita ad un’enorme rigidità per la scala nella quale ci muoviamo noi.

    L'elasticità spiega il principio di conservazione dell'energia poiché si configura come un’energia di deformazione reversibile. L'elasticità perfetta è un requisito essenziale per il principio di conservazione dell'energia.

    Il concetto di energia elastica è più complesso di ciò che possa sembrare a prima vista. Un oggetto elastico necessita di elementi interni con proprietà elastiche e così via. D'altro canto, l'energia elastica necessita di elementi in continuo movimento o vibrazione, dato che un elemento completamente statico non avrebbe nessun’energia interna.

    Insomma, la proprietà di elasticità configura la globina come una rete materiale in costante vibrazione o risonanza.

    Le elasticità longitudinale, bidimensionale o curvatura longitudinale e trasversale, unitamente alla natura infrangibile dei filamenti della materia sostengono il Principio di Conservazione Globale, comprese sia la legge di conservazione della materia che la legge di conservazione dell'energia.

  • Elasticità longitudinale.

    L'elasticità longitudinale della struttura della materia sarà la base fisica dell'interazione gravitazionale. La caratteristica quantitativa ha la sua importanza, dato che l'elasticità dei filamenti potrebbe fare in modo che raggiungano una lunghezza di mille, un milione o un miliardo di volte più grande che in assenza di forze di trazione. Per adesso abbiamo libertà di fissarla; tuttavia, la dimensione delle particelle elementari stabili con massa ci può aiutare a definire quantitativamente questa proprietà generale della materia.

    L'espansione o contrazione della globina non va confusa con le variazioni del proprio spazio, come fanno alcune teorie fisiche.

  • Elasticità bidimensionale o curvatura longitudinale.

    Il gioco di forze derivato dalla tensione elastica della curvatura longitudinale dei filamenti della globina sarà responsabile dell'atractis causa della teoria della gravitazione nella Meccanica Globale.

  • Elasticità trasversale.

    L'elasticità di natura trasversale è una proprietà generale della materia diversa da quella longitudinale e sarà la base fisica dell'interazione elettromagnetica.

    Questa proprietà generale della materia è collegata, insieme alla proprietà di elasticità longitudinale e alla curvatura longitudinale, all'interazione nucleare debole e forte e con la formazione della massa.

Queste proprietà generali della materia cercano di descrivere la natura della globina da un punto di vista sia esterno che interno. Le proprietà elastiche della globina implicano che nella sua costituzione abbia elementi più piccoli. Forse il limite di elasticità trasversale o longitudinale è legato alla dimensione del reticolo.

Insomma, i filamenti si configurano come il meccanismo di trasmissione dell'unità minima di energia, inevitabilmente riferita alla costante di Planck, sebbene non sia probabilmente così costante come sembra. Sovente occorre non limitarsi alle apparenze e approfondire le cose con la mente.

Nelle pagine seguenti saranno analizzate la composizione, le caratteristiche e le proprietà della materia per ognuno dei grandi tipi o categorie in cui è stata divisa la struttura della materia in generale.

 

 
 
© 2008 Tutti i diritti riservati

María José T. Molina

Teoria dell'Equivalenza Globale

LA MECCANICA GLOBALE